Lunaria annua

La Lunaria annua L. (e Lunaria biennis Moench, Lunaria annua subsp. pachyrhiza (Borbás) Hayek, Lunaria pachyrhiza Borbás) fa parte della famiglia delle BrassicaceaeCruciferae.

Image result for lunaria annua scheda botanica
Viene chiamata in gergo erba d’argento, lunaria meridionale, probabilmente più conosciuta come “moneta del papa” o “medaglioni del papa”, o anche “moneta pontificia” o “occhiali del papa”. In milanese, erba bianca – come anche la Potentilla anserina – o erba luna.
Nell’Asia sud-occientale viene chiamata “albero dei soldi”, negli Stati Uniti “dollari d’argento”.
In Danimarca la chiamano Judaspenge e in Olanda Judaspenning, “monete di Giuda”: un’allusione ai trenta denari d’argento con cui sarebbe stato pagato Giuda Iscariota nel racconto biblico.

 

Il genere comprende tre specie di cui due, Lunaria annua Lunaria rediviva, sono diffuse allo stato spontaneo in gran parte d’Europa, Italia compresa.
La terza specie, Lunaria telekiana, è endemica dell’Albania.

Fiori di Lunaria rediviva

 

È una pianta erbacea bienne, ma anche perenne ed eccezionalmente annuale, nonostante la specifica del binomiale (annua). Alta e robusta, con steli eretti, cilindrici e legnosi alla base, che possono raggiungere un metro di altezza.
Le foglie sono di color verde scuro, triangolari, astate o cordate, grossolanamente e irregolarmente dentate, lunghe 10/15 cm; le foglie inferiori sono opposte e lungamente picciolate, con lamina triangolare acuminata all’apice; le foglie superiori sono sessili o subsessili, alterne e gradatamente più piccole.

I fiori sono numerosi, ermafroditi, attinomorfi, dialipetali, riuniti in infiorescenze senza brattee, a racemo terminale spesso accompagnate da altri racemi ascellari, di colore variabile dal viola al rosa fino al porpora, raramente bianchi.
Hanno il calice con quattro sepali violacei, di cui i laterali hanno base sacciforme.
La corolla ha quattro petali, in croce – da cui appunto Cruciferae -, patenti, obovato-spatolati grandi 10×20 mm. L’androceo è tetradinamo con due nettari laterali, e l’ovario è supero bicarpellare.

IMG_2992.JPG

I frutti sono siliquette latisette, ellittiche e arrotondate alle estremità, di 2/6 cm di diametro, erette o appena pendule, molto appiattite. Lasciano intravedere i semi arrotondati e alati al loro interno. Hanno colore prima verde poi argenteo.

Cresce nell’Europa meridionale, in particolare nella regione carpatico-danubiana.
Fiorisce tra aprile e maggio e va in seme tra maggio e giugno.
Si trova nei campi, sotto le siepi, ai bordi stradali, nei prati umidi, sulle rive dei corsi d’acqua e su terreni a mezz’ombra, silicei e ricchi di humus, fino a 1000 metri di altitudine.

La Lunaria rediviva L. è molto simile alla L. annua: è una pianta perenne dei climi temperato-freddi, molto comune in Gran Bretagna e nell’areale alpino. Ha le foglie mucronate, più nettamente dentate e picciolate (anche le cauline superiori), i frutti ellittici e progressivamente ristretti alle estremità. I fiori hanno un profumo intenso.

Lunaria deriva dalla luna, secondo alcuni per il potere dei suoi frutti rotondeggianti, che somigliano a monete d’argento (da qui il nome popolare) e che riflettono i raggi lunari. Secondo altri, essi somigliano alla luna piena di notte.
Viene chiamata lunaria selvatica anche l’alliaria (Alliaria petiolata (Bieb.) Cavara et Grande), appartenente alla medesima famiglia, le Brassicaceae.

Si tratta di una specie commestibile: le radici e le foglie venivano consumate in insalata e apprezzate per le loro proprietà diuretiche.
La lunaria è solitamente coltivata per uso ornamentale, sia per i suoi fiori (una delle poche Brassicaceae ad avere il fiore fucsia/viola/porpora) sia per i bouquet secchi già pronti al termine del ciclo vegetativo.

Alla lunaria anticamente venivano attribuite proprietà magiche, per la somiglianza dei suoi semi alle monete veniva considerata portatrice di ricchezza e per la sua forma e lucentezza propiziatrice dei favori della dea Luna, che avrebbe protetto chi la possedeva dalla miseria e dagli spiriti maligni.

Come si cucina la lunaria?

IMG_2991.JPG

Trattandosi di una Brassicacea, appartiene alla stessa famiglia di cavoli, verze e rucola.
Quindi potremo utilizzare le foglie in insalata o misticanza, da raccogliere di preferenza prima della fioritura.
Gli steli giovani possono essere messi sott’aceto e il sapore sarà piacevolmente piccante. Si potranno aggiungere, spezzettati, ad insalate, riso lessato, insalate di riso, o come contorno a bolliti e formaggi.
Si possono utilizzare anche i fiori, come decorazione.

La particolarità della lunaria sono però i semi: trattandosi di una Brassicacea si tratta di silique e la loro forma particolare li rende molto attrattivi – e facili da riconoscere per la raccolta -.
Si raccolgono giovani, quando sono ancora morbidi e i semi all’interno sono poco visibili e non troppo spessi.

IMG_2986.JPG
Per raccoglierli dalla pianta bisogna mettere la punta dell’unghia del pollice in corrispondenza al loro attaccamento al caule (stelo), e schiacciare leggermente verso il basso: in questo modo verrà eliminato il bordo esterno, un “filo” un po’ coriaceo che potrebbe dar fastidio durante la masticazione.

IMG_2987.JPG
Una volta raccolti, si possono utilizzare tal quali nelle insalate o si possono mettere sott’aceto.
Si può preparare un chutney e se ne aggiungono un paio, tre al massimo ogni 500 grammi di composta, poiché hanno davvero un aroma preponderante, piccante quasi. Ricorda il cren (rafano, Armoracia rusticana) e anche la rucola selvatica raccolta giovane vicino al mare.

IMG_2996.JPG
Altrimenti, si possono fermentare. È sufficiente preparare una salamoia di acqua declorinata e sale marino non iodato in percentuale del 2% sul totale dell’acqua. Si fa sciogliere il sale e dopo aver sistemato le silique in un vaso di vetro sterile si coprono con la brina, avendo cura di lasciare un dito o due prima del bordo del vaso. Si copre con uno strofinaccio legato con un elastico e si lasciano sul piano della cucina, lontano da fonti di calore, per almeno 48 ore. Solitamente con le fermentazioni “selvagge” si aspettano tre/quattro giorni, ma le silique di lunaria hanno davvero un aroma molto forte che potrebbe non essere gradito a tutti, quindi conviene assaggiare prima.
Una volta che il sapore è di gradimento, si chiude il vaso con il coperchio e si sistema in frigo. Nulla vieta di aggiungere aromi (selvatici!) a piacere, come semi di cumino dei prati (Carum carvi), drupe di pepe rosa selvatico (Schinus molle), foglie di ellera terrestre (Glechoma hederacea) per un sentore balsamico.

IMG_2995.JPG
Potete aromatizzare anche l’olio ponendo in un’oliera una siliqua un po’ più coriacea rispetto alle altre e tenendola per una settimana al massimo.
Infine, può essere aromatizzato anche l’aceto: in una bottiglia di aceto di mele sistemate due lamponi, due silique di lunaria, un rametto di asperula (Galium odoratum) e cinque o sei foglie di ellera terrestre (Glechoma hederacea). Otterrete un aceto che ricorda il balsamico ma ha in più il sentore tipico della mostarda. Ottimo per una salsa verde o un puré piccante invernale per accompagnare formaggi stagionati.

 

IMG_2997.JPG

 

 

Le ricette e i suggerimenti di cucina selvatica © Eleonora Matarrese – tutti i diritti riservati -. 
In caso di condivisione si prega di citare la fonte.

Bibliografia:
Sandro Pignatti – Flora d’Italia – Edagricole, Bologna, 1982
Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi G. – An Annotated Checklist of the Italian Vascular Flora – Roma, Palombi Editori, 2005
Peroni G., Bonalberti C., Peroni A. – Erbe e piante selvatiche in cucina – Pietro Macchione Editore, pag. 7
Flora Iberica – Plantas vasculares de la Peninsula Iberica e Islas Baleares
The International Plant Names Index (IPNI)
Galleria della Flora delle Regioni Italiane

Verdure recuperate – e la dispensa sempre piena [parte I]

Il cibo, se non ve ne siete ancora accorti, costa e ha un impatto notevole sul bilancio economico, soprattutto se ci si ostina nell’acquisto al supermercato e di prodotti di marca, dove possibilmente la maggior parte del costo non è per la materia prima bensì per pagare gli stipendi al produttore, al distributore, e l’energia elettrica per permettervi di vedere i prodotti sugli scaffali. Va poi anche detto che se la pubblicità a volte ci dice che un prodotto è sano, buono, bio, e chi più ne ha più ne metta, chissà nella maggior parte dei prodotti che non lo sono cosa mai ci sarà.

Detto questo, è possibile anche se si ha un piccolo balcone o persino in un angolo della cucina, posto che abbiate una finestra da cui entri un po’ di luce, creare un piccolo orticello o comunque recuperare delle verdure e provare a farle crescere e.. sì, mangiarle. Se poi alcune cresceranno troppo e non avrete spazio – o, probabilmente, voglia – portatele nella prima aiuola o nei giardini e… sì, piantatele.

Ma prima, tentar non nuoce, e non siate pigri, dovete sapere che da normali pezzi di verdura che normalmente usate e gettate, si può con tutta la naturalezza di questo mondo ricavare una nuova pianta e nuovo cibo.

Screen Shot 2016-01-03 at 19.43.17

L’insalata, la lattuga, e buona parte delle Brassicacee (cavoli, per intenderci) sono facili da far crescere. Al posto di buttare la base con un po’ di foglie laterali, ponetele in una vaschetta con un po’ d’acqua alla base. Mettete la vaschetta in un punto della cucina dove arrivi un bel po’ di luce. Spruzzate un po’ d’acqua sulle foglie un paio di volte la settimana (non è poi così tanto eh?!).
Dopo neanche una settimana noterete che alcune piccole radici appariranno nella parte basale che diversamente avreste buttato. Questo significa che potete trapiantare la vostra insalata o il cavolo nella terra. Va benissimo un vaso sul balcone. Del resto ora il fiorista in centro vi vende le Brassicacee a peso d’oro spacciandole per fiori. Solo che sono concimate e non potete neanche mangiarle. Quindi se non mangerete il cavolo cappuccio rosso o la verza, potrete dipingere un bel vaso di terracotta – o farlo dipingere ai bambini in una domenica piovosa e noiosa -, metterci un nastrino intorno, e mettere il vaso fuori la porta d’ingresso come benvenuto, e spruzzare sempre un po’ d’acqua due volte la settimana, e durerà a lungo. Potrebbe anche andare in seme, e allora avrete dei bei semini di cavolo o verza e potrete seminarli nei vasi e partire nel processo da zero, e spiegare ai vostri figli, o ai figli dei vicini, o a quelli dei vostri amici, come funziona. Al gatto no, perché lui lo sa meglio di voi 😉

Stessa cosa avviene con il sedano, che è una delle verdure più facili da crescere da “rifiuti”. Basta tagliare la solita base, stavolta un po’ altina, diciamo 10 centimetri, e metterla in una piccola vaschetta con un po’ d’acqua tiepida. Mettere la vaschetta in piena luce: deve stare più a lungo possibile alla luce per la maggior parte del giorno e per circa una settimana.
Le coste allora si ispessiranno e cominceranno a spuntare le foglie dalla base. Quelle foglie sono esattamente le stesse che solitamente vedete alla fine del vostro bel sedano da supermercato, con la differenza che voi non avete utilizzato terreno, compost o peggio concime, e potete usarlo ogni volta che volete e anche fresco per le insalate (o per uno smoothie detox che va tanto di moda e fa tanto bene). Se non volete utilizzare subito le foglioline, semplicemente trapiantate il sedano in un vaso con un buon terriccio e aspettate che cresca e diventi più lungo e più alto. Se lo terrete all’ombra naturalmente sarà più “bianco”, se lo terrete più al sole le foglie saranno di un bel verde brillante.

avocado.jpg

Avete mai provato a far crescere un avocado? No? Peccato, perché è un’esperienza bellissima, anche questa magari da fare con un bambino. Ma potete provarci ora! Prendete il nocciolo dell’avocado, sciacquatelo e inserite, piano, degli stuzzicadenti lunghi per poggiarlo, sospeso, su un vaso contenente dell’acqua. L’acqua deve coprire la base del nocciolo per qualche centimetro.
Il vaso va tenuto in un luogo caldo ma non alla luce diretta; io ce l’ho su una mensola in bagno, dove è anche umido e all’avocado fa bene.
Bisogna controllare lo stato dell’acqua per evitare che vada sotto il nocciolo, e aggiungerla alla bisogna.
Ci possono volere fino a sei settimane per far spuntare il germoglio e le radici. Quando le radici saranno spuntate e toccheranno il fondo del vaso, vanno tagliate a metà: in questo modo si danno maggiori nutrienti al germoglio che crescerà come una bella piantina. Quando spuntano le foglie è il momento di metterlo nel terreno. Quando lo piantate, ricordate di lasciare metà nocciolo fuori dal terreno.
Non credo di aver mai buttato un nocciolo di avocado in vita mia, ma so per certo che almeno un paio adesso guardano il mare da una bella casa sulla costa ligure.

La “verdura” che amo di più far crescere, e che mi dà più soddisfazione, è la patata, sia normale che dolce (batata).
Quando si formano gli “occhi” o i “germogli” perché magari le patate sono state erroneamente conservate, o perché sono state al sole, o semplicemente perché al supermercato non ce le vendono mica fresche, basta tagliare la patata/batata in pezzi ognuno per ogni germoglio, lasciando un po’ di polpa sotto. Questo fa bene alla piantina che crescerà ma anche a chi mangerà la restante parte di quella patata, se sarà possibile, perché le parti con il germoglio contengono elementi nocivi per la digestione.
Il mio metodo è un po’ “grezzo”, nel senso che ho recuperato dei sacchi di juta che ho riempito con il compost, e le mie “patate con germoglio” al posto di metterle nel compost le “butto” direttamente in questi sacchi, e Madre Natura fa il resto.
Voi potete usare un vaso, un sacco della spazzatura, o lo stesso sacchetto del terriccio acquistato al discount, tagliato nella parte superiore se volete tenerlo in verticale in un angolo del balcone, o facendo dei tagli sulla parte larga, tenendolo in orizzontale, piatto, per terra.
Ricordatevi di “piantare” i pezzi di patata con il germoglio verso l’alto. In realtà Madre Natura, ripeto, fa il resto, ma le diamo una mano a far sì che la piantina sia “già in pole position”.
Se possibile lasciate il sacco in un posto dove, se piove, il terreno possa bagnarsi. Magari fate qualche buco con i rebbi di una forchetta verso la parte bassa del sacco – se usate uno della spazzatura, ad esempio – per un po’ di drenaggio in caso di forti temporali.
Per le patate dolci si può anche provare prima con un gioco con i bimbi, che magari avrete fatto anche voi a scuola: tagliare la batata a metà e mettere degli stuzzicadenti nella parte della polpa. Mettere il tutto sospeso in un vaso o una ciotola con dell’acqua. In pochi giorni appariranno le radici e al contempo sulla parte superiore della batata appariranno i germogli. Quando questi ultimi sono un po’ lunghetti, tagliate la patata per il lungo e mettete ogni singolo pezzettino, radice+polpa+germoglio, in un vaso con un po’ d’acqua. O piantateli direttamente.

[continua…]

Insalata magica

E poi ci sono quelle giornate in cui hai fame ma non sai di cosa, e fuori è grigio e ci vuole un piatto colorato che tiri fuori l’allegria.

In frigo avevo un avocado (che adoro) e finalmente sono giunte le dulse, le alghe islandesi – che loro mangiano in particolare in questo periodo, il Þorrablót, in quella sorta di buffet che loro chiamano Þorramatur, una selezione di cibo tradizionale che consiste in particolare di carne e pesce conservati (essiccati, sotto sale, fermentati…) tagliati a fette o pezzi e serviti con il rúgbrauð, un pane di segale spesso e scuro, burro e brennivín (l’aquavite di patate, liquore tipico di Islanda) -.

alga dulse

alga dulse

L’alga dulse [‘dʌls] è così chiamata tra gli anglosassoni, è un’alga rossa della famiglia delle Palmariaceae chiamata Palmaria palmata (Linnaeus) Kuntze, chiamata anche dilliskdilsk (dall’irlandese/gaelico scozzese duileasc/duileasg). Nota in Giappone come Darusu, cresce a ciuffi e abbondante nell’acqua bassa lungo le coste rocciose, dove le acque sono mosse. Si tratta di alghe piccole, con talli alti da 15 a 30 cm. e fronde piatte, lisce e morbide, che si aprono come le dita di una mano. Considerando quanta paura avessi delle alghe quand’ero bambina, mi viene da pensare che la prossima volta in acqua a mare le accarezzerò benevolente 🙂
Il raccolto avviene tra maggio e ottobre a mano durante la bassa marea, vengono poi fatte seccare al sole e al vento, selezionate e impacchettate per la vendita.

La dulse è una buona fonte di minerali e vitamine rispetto ad altre verdure; contiene tutti gli oligoelementi necessari all’essere umano, e ha un alto contenuto proteico.
Si trova comunemente sulle sponde dell’oceano Atlantico ed i mari del Nord da giugno a settembre, e può essere raccolta a mano quando c’è la bassa marea. Al momento della raccolta le piccole lumache, i pezzi di conchiglia ed altre particelle di piccole dimensioni che possono “incastrarsi” tra le foglie dell’alga possono essere lavate nella stessa acqua marina, e poi la pianta viene lasciata asciugare.
In alcuni paesi è utilizzata come foraggio per animali.
Viene comunemente usata in Irlanda, Islanda, Canada e nel nord-est degli Stati Uniti, sia come cibo che per preparare dei medicinali.
Lungo la costa dell’Ulster, dalla contea di Antrim a quella del Donegal, si mangia secca o cotta in modo simile a quello in cui si preparano degli spuntini per un brunch. Viene quindi usata anche in cucina, avendo proprietà simili a quelle di un esaltatore di sapidità).

Ho scoperto la dulse l’estate scorsa in Islanda, dove è chiamata söl. La tradizione vuole che si mangi su un pezzo di pane di segale dove è stato spalmato del burro di fattoria.
Può anche essere saltata in padella per farne delle chips, cotta in forno coperta con formaggio o con salsa, o semplicemente scaldata. Può anche essere utilizzata in minestre, zuppe, panini e insalate, o aggiunta alla pasta di pane o della pizza. Tagliata a cubetti, può anche essere utilizzata al posto del sale in piatti di carne, o al posto del glutammato monosodico.
La dulse contiene iodio, utile quindi in patologie della tiroide.
Viene considerata una delle alghe più yin. Morbida e dal particolarissimo gusto “piccante”, unico nel suo genere, si usa in particolare per preparare zuppe e ottimi condimenti; si combina bene con le cipolle, ottima nei piatti a base di avena e cereali cotti. Dopo un breve ammollo si può aggiungere a diversi tipi di insalate, dando così una nota di colore e al contempo un apporto importante di sostanze nutritive. 

“Le fonti indicano che gli islandesi hanno mangiato la dulse sin dal loro insediamento sull’isola. Questa tradizione deriva probabilmente più dall’Irlanda che non dalla Norvegia, in quanto in Norvegia essa non era comunemente utilizzata. La raccolta va preferibilmente effettuata durante le basse maree in primavera. Va messa a bagno e pulita prima di essiccarla.
In tempi antichi, essa veniva spesso utilizzata nel pane e nel porridge (zuppa d’avena), in quanto i cereali scarseggiavano. Veniva anche cotta nel latte, mangiata con il burro o semplicemente così com’era, secca, come uno snack. Aggiungere l’alga a pezzi nelle zuppe o minestre ne intensifica il sapore.
Un famoso passaggio nella Saga di Egil descrive come uno dei più grandi eroi delle saghe islandesi, il potente Egill Skallagrímsson, decide di digiunare fino alla morte dopo la perdita del suo figlio prediletto, Böðvar. La figlia di Egill, Þorgeður, entra di nascosto nella sua stanza e lo costringe a masticare un po’ di dulse, che gli fa venire così sete che egli accetta un po’ di liquido servito in un corno. Questo liquido era latte, ed Egill vivrà, per morire un altro giorno.”

[Into the North, di Inga Elsa Bergþórsdóttir e Gísli Egill Hrafnsson, Vaka-Helgafell, Islanda, 2013; traduzione mia]

Ma veniamo infine alla mia ricetta di insalata magica, colorata, per i giorni bigi…

insalata magica della cucina del bosco

insalata magica della cucina del bosco

Ingredienti: un avocado, un po’ di alghe miste (predominante la dulse ovviamente!) essiccate, pecorino (io avevo un pecorino aromatizzato al succo di pera, una delizia trovata casualmente in un mercatino dov’era presente FloOfymOofy), insalata russa di rafano.

Procedimento: tagliare l’avocado a quadrotti, scegliere un po’ di alghe (senza esagerare, il consumo medio giornaliero per una persona che non ha problemi alla tiroide e di pressione è al massimo 40 grammi), tagliare il pecorino a scaglie con l’apposito attrezzo. Se si vuole, condire con mezzo cucchiaino raso di olio evo. Accanto, due cucchiai di insalata russa di rafano.

Insalata russa di rafano
Ingredienti: rafano in crema già pronto (si vende all’Esselunga vicino la maionese, nella variante con il tappo verde è puro, nella variante con il tappo blu è mischiato con panna fresca delle Alpi bavaresi, ed è più mild, fate vobis secondo il vostro gusto) o polvere di rafano essiccato (chiamato tout simplement wasabi, in vendita da Naturasì); carotine, pisellini primavera, una patata di media grandezza o due/tre patate novelle, qualche cima e gambo di cavolfiore o broccoli.
Procedimento: in una pentola mettere dell’acqua e versare i pisellini primavera e portare a bollore. Tagliare a quadrotti e versare le carotine, le patate e il cavolfiore (scegliete il grado di cottura che più vi piace, io le lascio piuttosto durette). Non salare!
Se utilizzate il rafano in crema già pronta, scolare le verdure e in una ciotola mischiarle con la salsa di rafano e un pizzico di sale, un pizzico di pepe e un cucchiaio di latte di riso o d’avena per amalgamare meglio. Se utilizzate il rafano in polvere, in una ciotola mischiate mezzo bicchiere di latte di riso o d’avena e un cucchiaino raso di polvere, e un pizzico di sale. Se preferite una salsa più densa aggiungere una punta di agar-agar. Mischiare con le verdure.
Potete aggiungere anche (pochi) semi di senape che daranno un gusto più agrodolce e particolare. O, al posto del sale, usare il gomasio. Senza esagerare, tanto la dulse è già saporita di suo e lega benissimo con tutti gli altri ingredienti 😉

Buon appetito!

insalata magica con insalata russa di rafano... pronta!

insalata magica con insalata russa di rafano… pronta!