Fenchelhonig

Il fenchelhonig o miele di finocchio è una preparazione storica dei paesi germanofoni e scandinavi.
Si tratta di un miscuglio di sciroppo di finocchio e miele, o di olio essenziale di finocchio e miele.
Viene utilizzato tradizionalmente come rimedio casalingo nel caso di forti raffreddori e bronchiti per aiutare ad espettorare.
Specialmente in ambito pediatrico, il fenchelhonig è stato poi utilizzato per trattare i disordini dell’apparato gastrointestinale ed i problemi legati al fegato, in quanto il finocchio ha un effetto calmante, soprattutto per i bambini. Esso infatti promuove l’attività gastrointestinale ed è un antispastico naturale. In concentrazioni più alte è espettorante. Aiuta anche contro l’aerofagia e la flatulenza.

fenchelhonig in preparazione con semi @La Cucina del Bosco

fenchelhonig in preparazione con semi @La Cucina del Bosco

Variante 1: avrete bisogno di 13 grammi di semi di finocchio e 500 grammi di miele.
In un barattolo versate il miele e all’interno porvi i semi di finocchio.
Un grammo di semi di finocchio contiene 40 mg. di olio essenziale. Per un barattolo di 500 grammi di miele avrete bisogno di 12,5 grammi di semi di finocchio, per l’intensità del fenchelhonig finale, che corrispondono a circa 5 cucchiaini.
Se preferite prima di porvi i semi di finocchio potete schiacciarli leggermente in un mortaio.
Lasciate poi “macerare” per dieci giorni in un luogo riparato, fresco e asciutto, con il coperchio chiuso. Poi, filtrate i semi ed eventuali impurità con un colino a maglie strette o uno strofinaccio (tipo quelli che si utilizzano per il formaggio) ed è pronto all’uso.
Io utilizzo il miele millefiori bio liquido, che è più facile da gestire. L’ideale sarebbe un miele biologico puro, non cotto e non trattato, il rischio però è che sia troppo “colloso”.
Per la tosse, sciogliere un cucchiaino in acqua tiepida e bere subito.
Per problematiche legate all’intestino, un cucchiaio al bisogno, e comunque sempre prima dei pasti per “permeare” l’apparato gastrointestinale. Dopo i pasti favorisce la digestione.

fenchelhonig: come si presenta il miele dopo aver tenuto in "macerazione" per 10 giorni i semi di finocchio - @ La Cucina del Bosco

fenchelhonig: come si presenta il miele dopo aver tenuto in “macerazione” per 10 giorni i semi di finocchio – @ La Cucina del Bosco

Variante 2: 500 grammi di miele e olio essenziale di finocchio.
A seconda di come lo preferite, più o meno forte, versare dalle 5 alle 12 gocce di olio essenziale di finocchio nel miele.
Questa variante rende il miele più cristallino e “pulito”.

Attenzione!
L’olio essenziale di finocchio dev’essere biologico e non trattato e non contenere additivi sintetici. Io lo acquisto in erboristeria. Bisogna spiegare all’erborista che andrà ingerito, perché l’olio essenziale che solitamente vendono serve per profumazioni, per fare saponi, ed è indicato a chiare lettere “non ingerire”.
Inoltre, dato che il miele è un prodotto crudo, può contenere il Clostridium botulinum: il fenchelhonig non va quindi dato a bambini al di sotto di un anno/un anno e mezzo, che non hanno ancora sviluppato la flora intestinale.

Questi sono i due fenchelhonig che, acquistati in Germania, sono giunti nella mia erboristeria casalinga.
Ovviamente, contengono altre componenti conservanti e per evitare che il miele si indurisca e… costano anche un bel po’, se paragonati alla versione homemade 😉

fenchelhonig in commercio @La Cucina del Bosco

Fonti:
http://de.wikipedia.org/wiki/Fenchelhonig
http://www.pharmawiki.ch/wiki/index.php?wiki=Fenchelhonig
http://www.dm.de/de_homepage/dasgesundeplus_home/dgp_produkte/dgp_produkte_pharm
a/dgp_produkte_pharma_erkaeltungssymptome/36320/dgp_fenchelhonig_s.html
http://www.jameda.de/hausmittel/fenchelhonig/

Annunci