Stelle Fisse – Lab “Il Bosco sotto Vetro”

bosco in vetro

Per il 2 giugno non prendete impegni!
Vi aspetto al Festival Stelle Fisse, prima edizione, che si terrà dal 1 al 4 giugno 2017 a Chiusa di Pesio in provincia di Cuneo.

Vi racconterò come conservare, preparare e cucinare ciò che il bosco ci offre per tutto l’anno, naturalmente seguendo la stagionalità e il momento migliore per raccogliere.

Il laboratorio consiste in un momento di riconoscimento e raccolta sul campo e in un  momento di pratica per conoscere procedimenti e ricette.

I partecipanti avranno modo di imparare ricette antiche e semplici per replicarle a casa, oltre che apprendere un patrimonio millenario legato al riconoscimento di cibo selvatico edibile.

Per iscriverti e ulteriori informazioni visita il link.

Ti aspetto!

Annunci

Erbe selvatiche per i tuoi detersivi naturali

detersivi erbe selvatiche

La cura con le erbe selvatiche è alla radice della medicina moderna, e l’uomo l’ha utilizzata sin dagli albori della civiltà. In alcune tombe antichissime gli archeologi hanno scoperto resti di piante conosciute ancor oggi – come la Nigella nella tomba di Tutankhamon, per fare un esempio – per il loro potere di trattare condizioni anche gravi, come l’artrite, individuata nei corpi sepolti nelle tombe stesse.
Ogni cultura e ogni paese ha una storia ricchissima di cure con le erbe selvatiche: le medicine moderne, nella maggior parte dei casi, derivano da queste cure.
Un esempio che faccio sempre è il farmaco che prendeva mia nonna per l’osteoporosi, che costava la “bellezza” di 50.000 lire, che altro non era che equiseto polverizzato con eccipienti… laddove bastava una tisana di aghi, remineralizzante, che aiuta a fissare meglio il calcio, e senza eccipienti di sorta.

“La legna ti scalda tre volte: la prima volta quando la raccogli, la seconda quando la tagli, la terza quando la bruci”: è la stessa cosa con le erbe selvatiche.
Quando sei in giro per prati, campi, boschi per raccogliere erbe selvatiche ti connetti alla Natura che porta armonia e equilibrio. Del resto è risaputo che avvertire interiormente la connessione al mondo naturale porta una felicità inestimabile.
Quando sei in casa a sistemare le erbe raccolte è un gran divertimento. È come un viaggio alla scoperta ogni volta di qualcosa di nuovo, perché al rientro a casa innumerevoli e sempre diverse saranno le ricette per te stesso, per la casa, per la salute…
Quando poi la ricetta è pronta e usi la tua erba, sia come cibo che come medicina, grande è la soddisfazione di qualcosa raccolta da te, preparata da te, utilizzata da te o dai tuoi cari. Profondo senso di soddisfazione.
In sintesi, le erbe selvatiche contribuiscono alla felicità e al benessere in così tanti modi che la loro utilità intrinseca non è l’unica gioia che trasmettono 😉

Una delle ricette più semplici da realizzare con le erbe selvatiche è l’aceto.
L’aceto è un ottimo mezzo per conservare le erbe e estrarre loro componenti; e si può utilizzare nei cibi, prendere come integratore o medicina, e soprattutto utilizzarlo in molti modi in casa per le pulizie, ma anche come cosmetico per la pelle e i capelli.
L’aceto, soprattutto grezzo (non pastorizzato) come l’aceto di mele, è ottimo per i nostri organi interni. Bilancia il pH, riduce le infiammazioni, rafforza le difese immunitarie e regola il metabolismo.
Preso con il cibo aiuta nell’assorbimento dei minerali.
Esternamente, lenisce le ferite, riduce i gonfiori, e per la pelle e i capelli è un vero toccasana (tant’è che le nonne consigliavano sempre di effettuare l’ultimo risciacquo dopo lo shampoo con l’aceto per rendere i capelli forti e lucidi).

Gli aceti con le erbe selvatiche sono fatti come le tinture. Bisogna mettere l’erba a bagno nell’aceto in un rapporto di 1:2/3 (una parte di erba per due/tre di aceto).
Lasciare dalle 2 alle 4 settimane in un luogo buio e fresco, poi filtrare con un panno a maglie sottili.
Gli aceti si mantengono per almeno due anni.

Gli aceti possono essere utilizzati per realizzare delle compresse. Bisogna mettere a bagno un panno di lino o cotone in una vaschetta con l’aceto con le erbe selvatiche e lasciarlo a bagno, si può anche riscaldare se la ricetta lo prevede. Questa modalità aiuta a lenire i dolori, a curare il mal di gola, il mal di testa, e soprattutto problematiche legate alla pelle.
Il materiale erbaceo fresco, poi, può essere utilizzato per fare dei cataplasmi – erbe impastate o pestate semplicemente, applicate direttamente sulla pelle -.
I cataplasmi possono stare sulla pelle anche per due/tre giorni, ma nella maggior parte dei casi si tende a sostituire l’erba quotidianamente.

Un’altra soluzione a molte problematiche di salute è l’antico oxymeli (in latino), dal greco ὀξύμελι, un rimedio molto gustoso che combina le proprietà curative dell’aceto alle erbe con il miele, insomma una sostanza miracolosa, rinomata per le proprietà antibiotiche e per rafforzare il sistema immunitario.
Gli oximeli sono realizzati riscaldando dolcemente un aceto di erbe selvatiche con la medesima quantità (rapporto 1:1) di miele, finché il miele non si dissolve. Si conserva in bottiglie sterilizzate per almeno due anni.

detersivi erbe selvatiche 2

Ricetta per uno spray per superfici – 500 ml, si conserva per due anni –
Ingredienti: 500 ml. di aceto, preferibilmente di mele, autoprodotto; 2 cucchiai di foglie e fiori di maggiorana (Origanum majorana); 1/2 cucchiai di capolini di fiori di camomilla (Matricaria chamomilla); 20 gocce di olio essenziale di lavanda.
Procedimento: preparare un aceto con l’infusione delle erbe selvatiche indicate (vedi sopra). Aggiungere l’olio essenziale e lasciar decantare in una bottiglia con il tappo “spray” (per pulire più facilmente), preferibilmente di vetro, altrimenti in uno spruzzino in plastica.
Per l’uso quotidiano è sufficiente aggiungere acqua in rapporto 1:1 allo spray (diluendolo ad hoc). Spruzzare, lasciar agire per qualche minuto, passare un panno.
Per macchie difficili o grasso, usarlo puro: se riscaldato per qualche minuto diventa veramente molto forte. Spruzzare le superfici con l’aceto di erbe bollente, lasciarlo un quarto d’ora prima di strofinare e asciugare.

Ricetta per disinfettante e deodorante per wc – 500 ml, si conserva per un anno –
Ingredienti: una manciata di foglie di rosmarino; una manciata abbondante di aghi di pino (rimuovere i rametti, servono solo gli aghi); 500 ml. di aceto di mele, meglio se autoprodotto; 50 gocce di olio essenziale di rosmarino (facoltativo); 50 gocce di olio essenziale di pino (facoltativo).
Procedimento: preparare un aceto con l’infusione delle erbe selvatiche indicate (vedi sopra). Aggiungere gli oli essenziali per un odore più persistente.
Versare un secchio d’acqua nel wc per far risalire l’acqua dal basso. Versare l’aceto non diluito nella tazza e lasciar agire per 20 minuti. Strofinare bene con lo scopino.

Ricetta per disinfettante al timo e alla calendula – 450 ml, si conserva per due anni –
Ingredienti: 500 ml di aceto di mele, meglio se autoprodotto; 100 ml di olio essenziale di timo; 15 grammi di foglie di timo o, ancora meglio, una manciata di timo appena raccolto, togliendo le radici e lasciando più foglie possibile; 15 grammi di fiori di calendula secchi o, ancor meglio, appena raccolti.
Procedimento: preparare un aceto con l’infusione delle erbe selvatiche indicate (vedi sopra). Aggiungere l’olio essenziale di timo e imbottigliare.
Utilizzare diluito in rapporto 50:50 con acqua per passarlo sulle superfici, sui lavelli, sul coperchio del wc e soprattutto ottimo per aree dove stazionano animali domestici.

[continua…]

Verdure recuperate – e la dispensa sempre piena [parte I]

Il cibo, se non ve ne siete ancora accorti, costa e ha un impatto notevole sul bilancio economico, soprattutto se ci si ostina nell’acquisto al supermercato e di prodotti di marca, dove possibilmente la maggior parte del costo non è per la materia prima bensì per pagare gli stipendi al produttore, al distributore, e l’energia elettrica per permettervi di vedere i prodotti sugli scaffali. Va poi anche detto che se la pubblicità a volte ci dice che un prodotto è sano, buono, bio, e chi più ne ha più ne metta, chissà nella maggior parte dei prodotti che non lo sono cosa mai ci sarà.

Detto questo, è possibile anche se si ha un piccolo balcone o persino in un angolo della cucina, posto che abbiate una finestra da cui entri un po’ di luce, creare un piccolo orticello o comunque recuperare delle verdure e provare a farle crescere e.. sì, mangiarle. Se poi alcune cresceranno troppo e non avrete spazio – o, probabilmente, voglia – portatele nella prima aiuola o nei giardini e… sì, piantatele.

Ma prima, tentar non nuoce, e non siate pigri, dovete sapere che da normali pezzi di verdura che normalmente usate e gettate, si può con tutta la naturalezza di questo mondo ricavare una nuova pianta e nuovo cibo.

Screen Shot 2016-01-03 at 19.43.17

L’insalata, la lattuga, e buona parte delle Brassicacee (cavoli, per intenderci) sono facili da far crescere. Al posto di buttare la base con un po’ di foglie laterali, ponetele in una vaschetta con un po’ d’acqua alla base. Mettete la vaschetta in un punto della cucina dove arrivi un bel po’ di luce. Spruzzate un po’ d’acqua sulle foglie un paio di volte la settimana (non è poi così tanto eh?!).
Dopo neanche una settimana noterete che alcune piccole radici appariranno nella parte basale che diversamente avreste buttato. Questo significa che potete trapiantare la vostra insalata o il cavolo nella terra. Va benissimo un vaso sul balcone. Del resto ora il fiorista in centro vi vende le Brassicacee a peso d’oro spacciandole per fiori. Solo che sono concimate e non potete neanche mangiarle. Quindi se non mangerete il cavolo cappuccio rosso o la verza, potrete dipingere un bel vaso di terracotta – o farlo dipingere ai bambini in una domenica piovosa e noiosa -, metterci un nastrino intorno, e mettere il vaso fuori la porta d’ingresso come benvenuto, e spruzzare sempre un po’ d’acqua due volte la settimana, e durerà a lungo. Potrebbe anche andare in seme, e allora avrete dei bei semini di cavolo o verza e potrete seminarli nei vasi e partire nel processo da zero, e spiegare ai vostri figli, o ai figli dei vicini, o a quelli dei vostri amici, come funziona. Al gatto no, perché lui lo sa meglio di voi 😉

Stessa cosa avviene con il sedano, che è una delle verdure più facili da crescere da “rifiuti”. Basta tagliare la solita base, stavolta un po’ altina, diciamo 10 centimetri, e metterla in una piccola vaschetta con un po’ d’acqua tiepida. Mettere la vaschetta in piena luce: deve stare più a lungo possibile alla luce per la maggior parte del giorno e per circa una settimana.
Le coste allora si ispessiranno e cominceranno a spuntare le foglie dalla base. Quelle foglie sono esattamente le stesse che solitamente vedete alla fine del vostro bel sedano da supermercato, con la differenza che voi non avete utilizzato terreno, compost o peggio concime, e potete usarlo ogni volta che volete e anche fresco per le insalate (o per uno smoothie detox che va tanto di moda e fa tanto bene). Se non volete utilizzare subito le foglioline, semplicemente trapiantate il sedano in un vaso con un buon terriccio e aspettate che cresca e diventi più lungo e più alto. Se lo terrete all’ombra naturalmente sarà più “bianco”, se lo terrete più al sole le foglie saranno di un bel verde brillante.

avocado.jpg

Avete mai provato a far crescere un avocado? No? Peccato, perché è un’esperienza bellissima, anche questa magari da fare con un bambino. Ma potete provarci ora! Prendete il nocciolo dell’avocado, sciacquatelo e inserite, piano, degli stuzzicadenti lunghi per poggiarlo, sospeso, su un vaso contenente dell’acqua. L’acqua deve coprire la base del nocciolo per qualche centimetro.
Il vaso va tenuto in un luogo caldo ma non alla luce diretta; io ce l’ho su una mensola in bagno, dove è anche umido e all’avocado fa bene.
Bisogna controllare lo stato dell’acqua per evitare che vada sotto il nocciolo, e aggiungerla alla bisogna.
Ci possono volere fino a sei settimane per far spuntare il germoglio e le radici. Quando le radici saranno spuntate e toccheranno il fondo del vaso, vanno tagliate a metà: in questo modo si danno maggiori nutrienti al germoglio che crescerà come una bella piantina. Quando spuntano le foglie è il momento di metterlo nel terreno. Quando lo piantate, ricordate di lasciare metà nocciolo fuori dal terreno.
Non credo di aver mai buttato un nocciolo di avocado in vita mia, ma so per certo che almeno un paio adesso guardano il mare da una bella casa sulla costa ligure.

La “verdura” che amo di più far crescere, e che mi dà più soddisfazione, è la patata, sia normale che dolce (batata).
Quando si formano gli “occhi” o i “germogli” perché magari le patate sono state erroneamente conservate, o perché sono state al sole, o semplicemente perché al supermercato non ce le vendono mica fresche, basta tagliare la patata/batata in pezzi ognuno per ogni germoglio, lasciando un po’ di polpa sotto. Questo fa bene alla piantina che crescerà ma anche a chi mangerà la restante parte di quella patata, se sarà possibile, perché le parti con il germoglio contengono elementi nocivi per la digestione.
Il mio metodo è un po’ “grezzo”, nel senso che ho recuperato dei sacchi di juta che ho riempito con il compost, e le mie “patate con germoglio” al posto di metterle nel compost le “butto” direttamente in questi sacchi, e Madre Natura fa il resto.
Voi potete usare un vaso, un sacco della spazzatura, o lo stesso sacchetto del terriccio acquistato al discount, tagliato nella parte superiore se volete tenerlo in verticale in un angolo del balcone, o facendo dei tagli sulla parte larga, tenendolo in orizzontale, piatto, per terra.
Ricordatevi di “piantare” i pezzi di patata con il germoglio verso l’alto. In realtà Madre Natura, ripeto, fa il resto, ma le diamo una mano a far sì che la piantina sia “già in pole position”.
Se possibile lasciate il sacco in un posto dove, se piove, il terreno possa bagnarsi. Magari fate qualche buco con i rebbi di una forchetta verso la parte bassa del sacco – se usate uno della spazzatura, ad esempio – per un po’ di drenaggio in caso di forti temporali.
Per le patate dolci si può anche provare prima con un gioco con i bimbi, che magari avrete fatto anche voi a scuola: tagliare la batata a metà e mettere degli stuzzicadenti nella parte della polpa. Mettere il tutto sospeso in un vaso o una ciotola con dell’acqua. In pochi giorni appariranno le radici e al contempo sulla parte superiore della batata appariranno i germogli. Quando questi ultimi sono un po’ lunghetti, tagliate la patata per il lungo e mettete ogni singolo pezzettino, radice+polpa+germoglio, in un vaso con un po’ d’acqua. O piantateli direttamente.

[continua…]

Recupero e riciclo – e le verdure sempre a portata di mano –

Come anticipato sul mio profilo Facebook a seguito di un interessante articolo di Terra Nuova, quest’anno il primo tra i miei propositi è quello di ossessionarvi sulla necessità di tornare alla Natura. Coltivando la terra, per esempio. Riciclando il possibile. Non sprecando.

Ma non solo.

Partiamo con alcuni esempi.
Oggi ho raccolto l’ultimo prezzemolo rimasto e un po’ di finocchietto selvatico.

Screen Shot 2016-01-01 at 20.33.25

Il prezzemolo si può tranquillamente congelare (avendo cura di tagliuzzarlo e sistemarlo in sacchetti per alimenti o in contenitori di plastica), il finocchietto io lo preferisco essiccato.
Tra le modalità di conservazione degli alimenti conosciute sin dall’antichità e utilizzate per millenni fino all’avvento dell’energia elettrica – e quindi di frigorifero, freezer, congelatore, e altri elettrodomestici  e conseguentemente nuove modalità di conservazione – la più elementare era l’essiccazione.

L’essiccazione è un metodo di conservazione degli alimenti che permette di mantenere le loro proprietà organolettiche e, cosa ancor più importante, i loro nutrienti, pressoché inalterati. Il cibo essiccato infatti, soprattutto se essiccato a casa, non viene sottoposto a procedimenti chimici, all’aggiunta di conservanti e sostanze artificiali (una per tutte su cui combatto da tempo è l’utilizzo dell’anidride solforosa nelle albicocche, nei fichi e in altra frutta che acquistano, ignari, ai supermercati).
Il processo di essiccazione altro non è che l’eliminazione dell’acqua e in questo modo si inibisce lo sviluppo di microbi, l’ossidazione, la degradazione dei cibi e, sorpresa, si conservano molto a lungo.
Per la maggior parte degli alimenti avviene anche un processo che fa aumentare il loro aroma, il loro profumo.

Naturalmente i produttori di essiccatori, per portare l’acqua al loro mulino, vi diranno che l’essiccazione naturale non è sana e vi sono delle controindicazioni.
Certo, soprattutto in alcune zone d’Italia il sole non è presente tutto l’anno; e se non si sa come fare si rischia di perdere tutto il raccolto/il cibo per via di muffe, ossidazione – che fino ad essiccazione completa, ovvero fino alla perdita completa dell’acqua da parte dell’alimento, può comunque svilupparsi – e insetti.
Non vi nego che anche io la prima volta che dalla Puglia ho provato, la mia prima estate in Brianza, a metter fuori cassette piene di pomodori san Marzano per farli seccare, ne sono uscita dopo neanche 48 ore con un maleodorante e tristissimo ammasso di muffe…

Il metodo corretto però c’è, e in particolare per quello che voglio raccontarvi oggi.
Questa sera, per un primo dell’anno detox dopo le abbuffate natalizie, ho pensato bene di preparare una zuppa di verdure. Purtroppo non avevo molte verdure fresche in casa perché ormai “vivo” nel mio ristorante; avevo però la soluzione a portata di mano.

Screen Shot 2016-01-01 at 20.34.31.png

Quando pelo le patate, le carote, le cipolle, dopo aver energicamente spazzolato la buccia – o nel caso delle cipolle aver eliminato la parte esterna “asciutta” – per eliminare qualunque residuo di terra, le taglio a pezzettini e le metto in una cassetta di legno – quelle del fruttivendolo – con uno strato di carta assorbente. Io ho la fortuna di avere un bagno di servizio interamente dedicato a “essiccatore naturale”, con ganci alle pareti per ogni tipo di erba e sistemi di essiccazione homemade ma di sicura efficacia. Per chi vuol cimentarsi può contattarmi per qualche idea progettuale a costo zero e che in un’ora è già pronta; per chi non ha voglia e tempo è sufficiente sistemare la cassetta, debitamente coperta con altra carta assorbente o con una retina – tipo quella delle zanzariere – sopra gli armadietti della cucina, ma non sopra i fuochi e il lavandino; o sopra un armadietto magari in sala.
L’importante è controllare una tantum e soprattutto nelle prime 24 ore lo stato di essiccazione delle verdure.
Quando saranno pronte, sarà sufficiente sistemarle in vasetti di vetro. Io per i primi mesi li chiudo con carta assorbente e un elastico, per scongiurare lo svilupparsi di muffe per eventuale umidità residua.
Altrimenti si possono già chiudere con il coperchio ma con l’accortezza di aprirlo una/due volte al mese e lasciar poggiato per 24/48 ore.
Se piace, si possono anche conservare in sacchetti di carta o tela, ma io non lo trovo comodo perché nel mio caso dovrei avere un armadio dedicato solo a questi sacchetti…

Un’altra modalità di conservazione che unisce “l’utile al dilettevole” si può ricavare dal sedano o dalla fantastica erba girardina o castalda, entrambi nomi regionali dell’Ægopodium podagraria, una tra le piante nella cima della mia lista “Preferite”. Ha un aroma che ricorda molto il sedano ma in versione più dolce e stuzzicante.
Basta farli essiccare, per assurdo io essicco anche poche foglie per volta lasciandole in un vassoietto con la carta assorbente sul piano della cucina esposto alla luce.
Una volta essiccate le foglie vanno tritate, si può fare anche a mano tanto sono sottili.
Sistemare la polverina in un vasetto e utilizzare al posto del sale.

Oltre ad aiutare sistema circolatorio, linfatico e in generale tutto l’organismo, visto che il sale fa male – e lo dico sempre che sono parca di sale, perché tanto chi vuole può sempre aggiungerlo – il sale di sedano o castalda insaporisce senza glutammato, esalta la sapidità naturale degli altri cibi, stimola l’appetito e anche la diuresi.

Detto questo, la prossima volta vi racconterò di come avere sempre tutte le verdure per il brodino pronte sul balcone. E non trovate come scusa che non avete tempo… 😉

Nasturzio mon amour

Il nasturzio (Tropaeloum majus L., 1753) è una pianta della famiglia delle Tropaeolacea, originaria del Perù.
Nel Seicento, la pianta fu importata dagli europei e anche utilizzata contro la carenza di vitamica C (scorbuto). Oggi in erboristeria al nasturzio vengono attribuite proprietà antibatteriche.

La specie, perenne in Sud America, viene coltivata anche in Europa dove ne esistono diversi ibridi. Per lo più a coltivazione annuale, in realtà, perché la pianta è sensibile al gelo.
Avrete sicuramente visto i fiori “più comuni” ovvero quelli giallo, arancione, magari screziato. Ne esistono di altri colori, come il crema ed il rosso (ho trovato degli splendidi semi biologici alla Coop di Saint Moritz di fiori rosso carminio).
Il nasturzio apprezza molto una posizione soleggiata e non richiede un terreno troppo ricco. Può essere utilizzato anche come rampicante.
Una particolarità del nasturzio sta nel fatto che le sue foglie sono idrorepellenti: infatti, l’acqua che arriva in contatto con le foglie non le bagna, ma forma delle gocce che rotolano fino a cadere: si tratta del cosiddetto “effetto loto”, osservato appunto anche nel fior di loto.

i miei nasturzi nell'aiuola fuori la cucina

i miei nasturzi nell’aiuola fuori la cucina

Ma veniamo a noi, o meglio all’aspetto alimurgico di questa splendida pianta: è infatti interamente commestibile, e io la amo molto per il suo sapore vagamente simile a quello del crescione (pianta della famiglia delle Crucifere, però).
La somiglianza del sapore sta nel fatto che le due famiglie (Crucifere e Tropeolaceae) sono relativamente vicine tra loro, anche per le sostanze chimiche che vengono sintetizzate in queste piante.
Il frutto del nasturzio, dal sapore simile a quello di foglie e fiori, può essere utilizzato come surrogato del cappero (un fiore anch’esso, n.d.r.), anche se i pareri sulle qualità di questa pianta in gastronomia sono discordi. Pare si utilizzino le foglie solo per insaporire i cibi, specie i primi piatti, dato il loro sapore leggermente piccante.

La prima ricetta che vi propongo è quella dell’insalata con fiori e foglie, primo perché è di una facilità impressionante, secondo perché così potete assaggiare il sapore del nasturzio “raw”, a crudo.
Raccogliete foglie e fiori (integri) di nasturzio, sciacquateli brevemente sotto un getto d’acqua corrente fredda, asciugateli tamponando con della carta assorbente, versate in una ciotola e condite con olio evo, sale marino non iodato, aceto di mele (in questo caso io uso il verjus, credo che il suo sapore leghi perfettamente con quello del nasturzio). E io ci aggiungo sempre un po’ di semi di girasole. Ma sbizzarritevi, e provate i condimenti che più vi piacciono.

I fiori sono spesso utilizzati come ingrediente ornamentale per le insalate o come condimento per i piatti saltati in padella. Essi contengono circa 130 mg. di vitamina C per 100 grammi, circa lo stesso ammontare contenuto nel prezzemolo. Inoltre, contengono fino a 45 mg. di luteina per 100 grammi (soprattutto i fiori gialli), ovvero la maggior quantità mai riscontrata in ogni pianta commestibile (la prima cosa che mi viene in mente, per spiegarvi in breve, è che la luteina serve come fotoprotettivo per la retina contro gli effetti negativi dei radicali liberi prodotti dalla luce).

L'aceto di nasturzio con foglie e fiori in infusione in aceto di mele autoprodotto

L’aceto di nasturzio solo con fiori in infusione in aceto di mele autoprodotto

Se volete preparare quelli che gli inglesi chiamano “i capperi dei poveri”, potete utilizzare questo procedimento: dopo che i petali sono caduti, raccogliete i semi del nasturzio (maturi a metà, ancora verdi quindi). Il raccolto andrà avanti anche per tutta una stagione, considerando che la pianta è rifiorente in condizioni ideali.
Versare i “capperi di nasturzio” in un mix (che andrà prima fatto bollire, e poi raffreddare a temperatura ambiente), di:
un quarto di aceto di vino bianco
2 cucchiaini di sale marino non iodato
un cipollotto medio, tagliato a fettine sottili
mezzo limone, tagliato a fettine sottili
uno spicchio d’aglio, tritato o a fettine sottili
da 4 a 6 grani di pepe
mezzo cucchiaio di semi di sedano (opzionale)

Conservare in frigo.
Si possono usare per salse, minestre, focacce, e come decorazioni eduli.
Per provare qualcosa di nuovo e particolare, potete anche mettere in freezer due o tre “capperi di nasturzio” nei cubetti di ghiaccio, e utilizzarli nella birra 😉

Una ricetta alternativa di scuola francese, trovata su una rivista:
175 grammi di frutti di nasturzio
75 ml. di aceto di sidro/di mele
sale grosso
qualche foglia di alloro fresca
6 grani di pepe
un cucchiaino di sale fino
un cucchiaino di zucchero (facoltativo)
Procedimento: recuperate i frutti di nasturzio – a guisa di capperi – quando sono verdi.
Metteteli in un contenitore, preferibilmente di ceramica, porcellana o vetro, sotto sale grosso (o in acqua salata). Sciacquate, asciugate, e versateli in barattoli sterilizzati. Fate bollire l’aceto con le foglie d’alloro, i grani di pepe e il sale fino (e lo zucchero se piace).
Lasciate cuocere qualche minuto. Versare nei barattoli. I fiori devono essere ricoperti!!! Lasciar raffreddare e chiudere i barattoli.
Consumare dopo un mese circa. Una volta aperto conservare in frigo.

Io quest’anno ho provato altre ricette. La prima è l’aceto di nasturzio, semplicissima:
50 cl. di aceto di sidro/di mele
70 grammi di fiori di nasturzio
uno scalogno di medie dimensioni
uno spicchio d’aglio (facoltativo)
due grani di pepe (io ho usato il pepe del Madagascar, raccolto a mano durante uno dei suoi foraging days da Viviana).
Procedimento: riempire una bottiglia di vetro di fiori di nasturzio. Aggiungere l’aceto. Aggiungere lo scalogno e l’aglio tagliati sottilmente, e i grani di pepe. Chiudere bene la bottiglia e lasciar macerare per due mesi in un luogo secco e fresco. Filtrare prima di mettere nella bottiglia “definitiva” per servire.

Dolcetti di foglie di nasturzio alle marmellate

Dolcetti di foglie di nasturzio alle marmellate

La seconda è un dolce rinfrescante e molto particolare, a cui non ho dato un nome, adatto per le afose giornate con cappa:
foglie piccole di nasturzio, congelate
marmellata di rabarbaro q.b.
composta di petali di rosa q.b.
cotognata q.b.
Procedimento: togliere le foglie dal freezer cinque minuti prima. In una coppetta mischiare la marmellata di rabarbaro, la composta e poca cotognata fino ad ottenere un miscuglio come se fosse un’altra marmellata. Utilizzarlo per il ripieno tra una fetta e l’altra. Se piace, prima di servire cospargere di succo di limone o verjus.
Per me che amo l’acidulo sono favolose!

Fenchelhonig

Il fenchelhonig o miele di finocchio è una preparazione storica dei paesi germanofoni e scandinavi.
Si tratta di un miscuglio di sciroppo di finocchio e miele, o di olio essenziale di finocchio e miele.
Viene utilizzato tradizionalmente come rimedio casalingo nel caso di forti raffreddori e bronchiti per aiutare ad espettorare.
Specialmente in ambito pediatrico, il fenchelhonig è stato poi utilizzato per trattare i disordini dell’apparato gastrointestinale ed i problemi legati al fegato, in quanto il finocchio ha un effetto calmante, soprattutto per i bambini. Esso infatti promuove l’attività gastrointestinale ed è un antispastico naturale. In concentrazioni più alte è espettorante. Aiuta anche contro l’aerofagia e la flatulenza.

fenchelhonig in preparazione con semi @La Cucina del Bosco

fenchelhonig in preparazione con semi @La Cucina del Bosco

Variante 1: avrete bisogno di 13 grammi di semi di finocchio e 500 grammi di miele.
In un barattolo versate il miele e all’interno porvi i semi di finocchio.
Un grammo di semi di finocchio contiene 40 mg. di olio essenziale. Per un barattolo di 500 grammi di miele avrete bisogno di 12,5 grammi di semi di finocchio, per l’intensità del fenchelhonig finale, che corrispondono a circa 5 cucchiaini.
Se preferite prima di porvi i semi di finocchio potete schiacciarli leggermente in un mortaio.
Lasciate poi “macerare” per dieci giorni in un luogo riparato, fresco e asciutto, con il coperchio chiuso. Poi, filtrate i semi ed eventuali impurità con un colino a maglie strette o uno strofinaccio (tipo quelli che si utilizzano per il formaggio) ed è pronto all’uso.
Io utilizzo il miele millefiori bio liquido, che è più facile da gestire. L’ideale sarebbe un miele biologico puro, non cotto e non trattato, il rischio però è che sia troppo “colloso”.
Per la tosse, sciogliere un cucchiaino in acqua tiepida e bere subito.
Per problematiche legate all’intestino, un cucchiaio al bisogno, e comunque sempre prima dei pasti per “permeare” l’apparato gastrointestinale. Dopo i pasti favorisce la digestione.

fenchelhonig: come si presenta il miele dopo aver tenuto in "macerazione" per 10 giorni i semi di finocchio - @ La Cucina del Bosco

fenchelhonig: come si presenta il miele dopo aver tenuto in “macerazione” per 10 giorni i semi di finocchio – @ La Cucina del Bosco

Variante 2: 500 grammi di miele e olio essenziale di finocchio.
A seconda di come lo preferite, più o meno forte, versare dalle 5 alle 12 gocce di olio essenziale di finocchio nel miele.
Questa variante rende il miele più cristallino e “pulito”.

Attenzione!
L’olio essenziale di finocchio dev’essere biologico e non trattato e non contenere additivi sintetici. Io lo acquisto in erboristeria. Bisogna spiegare all’erborista che andrà ingerito, perché l’olio essenziale che solitamente vendono serve per profumazioni, per fare saponi, ed è indicato a chiare lettere “non ingerire”.
Inoltre, dato che il miele è un prodotto crudo, può contenere il Clostridium botulinum: il fenchelhonig non va quindi dato a bambini al di sotto di un anno/un anno e mezzo, che non hanno ancora sviluppato la flora intestinale.

Questi sono i due fenchelhonig che, acquistati in Germania, sono giunti nella mia erboristeria casalinga.
Ovviamente, contengono altre componenti conservanti e per evitare che il miele si indurisca e… costano anche un bel po’, se paragonati alla versione homemade 😉

fenchelhonig in commercio @La Cucina del Bosco

Fonti:
http://de.wikipedia.org/wiki/Fenchelhonig
http://www.pharmawiki.ch/wiki/index.php?wiki=Fenchelhonig
http://www.dm.de/de_homepage/dasgesundeplus_home/dgp_produkte/dgp_produkte_pharm
a/dgp_produkte_pharma_erkaeltungssymptome/36320/dgp_fenchelhonig_s.html
http://www.jameda.de/hausmittel/fenchelhonig/

Niaouli

Con il G.A.S. (Gruppo d’Acquisto Solidale) stiamo cambiando fornitore di detersivi, cosmetici, prodotti erboristici per la cura della persona e della casa. Non che l’ultimo non andasse bene, ma i prodotti erano esigui e più “da supermercato” ed invece ne ho trovato uno praticamente a Km zero e che oltre ai soliti detersivo per i piatti e bagnoschiuma fornisce anche oli essenziali, tinture madri, etc.
Tra questi prodotti più specificatamente erboristici ha colpito la mia attenzione un olio essenziale che non avevo mai sentito prima, e allora ho fatto le mie dovute ricerche, ed ecco qui la prima scheda con i consigli anche per l’utilizzo dell’olio essenziale di Niaouli.

La Melaleuca quinquenervia, comunemente noto come Niaouli o Broad-Paperbark o albero “della corteccia dell’albero del tè” è un piccolo albero di medie dimensioni della famiglia delle Myrtacee. È nativa della Nuova Caledonia, della Papua Nuova Guinea e delle coste orientali australiane, dalla Botany Bay nel New South Wales verso nord, nel Queensland e nel Northern Territory. È naturalizzata nelle Everglades in Florida.
Cresce come un albero alto fino a 20 metri, dal tronco coperto da una corteccia bianca, beige e grigio, di spessore cartaceo. Le foglie grigio-verde sono ovate ed i fiori bianchi appaiono dalla tarda primavera all’autunno.

La Melaleuca quinquenervia è stata descritta per la prima volta come parte dei Metrosideros dal naturalista spagnolo José Antonio Cavanilles nel 1797, e successivamente è entrata a far parte del genere Melaleuca con Stanley Thatcher Blake del Queensland Herbarium nel 1958.
Il nome del genere deriva da “nero” (melanos, greco antico) e “bianco” (leukos, sempre greco), e fa riferimento ai tronchi di altre piante di questa specie. L’epiteto specifico deriva dal latino quinque ”cinque” e nervo ”nervo” o “vena”, riferendosi alle foglie. Si tratta di un albero di latifoglie come l’albero del Tea Tree. In Australia viene chiamato semplicemente Paperbark Tea Tree, negli Stati UnitiPunk Tree.
È noto come Niaouli nella Nuova Caledonia.

In Australia è diffusamente coltivato anche oggi. In passato veniva utilizzato per depurare l’acqua.
In Francia è conosciuto con il nome di Gomen, perché proveniva da Gomen, nelle Indie Orientali.

Albero sempreverde con foglie lineari appuntite e fiori gialli che si riuniscono a formare un’infiorescenza a spiga. Predilige climi caldo-umidi.

L’olio essenziale si ricava dalle foglie e dai rametti giovani con il metodo della distillazione in corrente di vapore e si ottiene un liquido giallo paglierino con un profumo intenso che ricorda quello della canfora.

Antispasmodico, antisettico, espettorante, vermifugo, l’olio essenziale di Niaouli è utile in caso di sinusite, bronchite, tosse (anche pertosse), per dolori reumatici e muscolari, per le infiammazioni delle vie urinarie. Pur presentando caratteristiche simili all’olio essenziale di Eucalipto o di Cajeput, quest’essenza è indicata per curare le malattie dell’apparato respiratorio dei bambini poiché risulta più delicato.

CONSIGLI PRATICI

Per tosse e catarro:
in 200 ml di olio di mandorle dolci mettete 15 gocce di olio essenziale di Niaouli. Usate questa miscela per fare un massaggio sul petto, tre volte al giorno, e coprite con un panno caldo di lana. Mettete poi alcune gocce di olio essenziale di Niaouli nel bruciatore per essenze o in un umidificatore predisposto per le essenze. Mettete nel locale in cui riposa il malato.

Per la sinusite:
in una bacinella d’acqua bollente mettete 12 gocce di olio essenziale di Niaouli. Coprite il capo con un asciugamano e inspirate, interrompendo di tanto in tanto, finché l’acqua non sprigionerà più vapore.

Impacchi per acne e foruncolosi:
in 200 ml di acqua distillata mettete 10 – 12 gocce di olio essenziale di Niaouli. Fate impacchi sulla parte interessata, quotidianamente, per almeno un quarto d’ora. Continuate finché non vedrete miglioramenti consistenti.

Per dolori reumatici:
in 250 ml di olio di mandorle dolci mettete 40 gocce di olio essenziale di Niaouli. Usate questa miscela per massaggiare le parti dolenti, due o tre volte al giorno. Se eseguite l’operazione prima di coricarvi, coprite la parte con un panno di lana.

Per le punture di insetti:
su un batuffolo di ovatta bagnato mettete 2-3 gocce di olio essenziale di Niaouli. Applicatelo sulla puntura e tenetelo finché non si sarà attenuato il bruciore.